Passeggiate e Trekking

I sentieri, un tempo percorsi da mandrie di vacche che venivano scortate all'alpeggio, che furono calpestati dai soldati della Grande Guerra, oggi conducono pacificamente in luoghi di estrema bellezza: sull'Adamello, sul Caré Alto, sul Re di Castello, al Laghi di Valbrona, sul Cadria, a Cima Ucia, sul Blumone a Cima Tormbea e su cento altre vette. Per chi ama il cavallo c'è un percorso agrituristico tra le malghe del Chiese.

 
A piedi o con la mountain bike si possono raggiungere il  rifugio Val di Fumo,  ottimo campo base per le escursioni d'alta montagna. Si può partire lungo itinerari fascinosi, verso Passo delle Vacche, al Caré Alto, al Cavento. Regione alpestre di straordinaria bellezza per la sua particolare gradazione paesaggistica naturale e umanizzata, è anche esempio di intervento antropico (impianti idroelettrici ormai inseriti nelle falde della più genuina natura).  Nella sua parte superiore la valle prende il nome di Valle di Fumo, tra i più espressivi luoghi di alta montagna delle Alpi. 

Numerose sono le valli collaterali, in parte antropizzate, ma ancora autentiche nel loro vigore naturale e le convalli, terminanti per lo più in circoli glaciali occupati da bacini lacustri, che mettono in comunicazione attraverso valichi d'alta quota l'asse principale con le valli vicine: Val Breguzzo, Val S. Valentino, Valle di Saviore (Brescia). 

Situata nella Valle del Chiese la Val di Daone è la porta più meridionale del parco dell'Adamello-Brenta. Dopo aver superato il lago di malga Bissina attraverso la stradina che lo fiancheggia si apre all'escursionista lo scenario incontaminato dell'Adamello, del Carè Alto, dei passi e dei nevai, una gioia per lo sguardo e per le gambe, sia  degli esperti, che possono scegliere itinerari arditi, sia degli amanti dell'escursione dolce, che possono fermarsi al rifugio Val di Fumo. Se  proprio non si vuole arrivare fino in cima alla valle si possono imboccare  i numerosi sentieri che dalla Val di Daone portano alle malghe o ad altre cime (il Re di Castello, impegnativo ma fascinoso). D'inverno le cascate di Ghiaccio sono la passione di migliaia di arrampicatori. 

Sentiero numero 4: Nisolt

Itinerario: Bersone - Prasandon - Praso Tempo: 40 minutiColore: Giallo Chi percorre questo itinerario, si trova a passare attraverso numerose, piccole località, che nel passato venivano industriosamente impiegate per coltivazioni di vario genere da parte...

Sentiero numero 3: Passablù

Itinerario: Daone - Morandino - Passablù di sotto e di  Sopra - Ravizzoli - Ponte della Sombliga Tempo: 2 oreColore: Blu Uscendo dall'abitato di Daone, si scende lungo una stradina asfaltata che conduce, attraverso la campagna più o meno utilizzata a...

Sentiero numero 2: Merlino

Itinerario: Praso- Sevror- El castel- Le pasture- Rio Filos- Terra Morta- Daone Tempo: 2 oreColore: Rosso Uscendo dall'abitato di Praso si volge lo sguardo verso nord trovandovi le cime del gruppo Brenta e sulla destra la cima Cadria con la piana del...

Sentiero numero 1: Via Vecchia

Itinerario: Daone - Bere - Praso Tempo: mezz'oraColore: BiancoIl tragitto percorre la vecchia strada di collegamento tra Daone e Praso. Partendo da Daone e per tutto il territorio di sua proprietà, la vecchia strada è completamente rifatta a seguito delle...

Lunedì, 10 Febbraio 2014 - Ultima modifica: Mercoledì, 20 Luglio 2016