Caratteristiche delle lapidi e dei loculi nei cimiteri di Bersone, Daone e Praso

Le caratteristiche delle lapidi e dei loculi individuali, come da nuovo regolamento di polizia mortuaria approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 34 del 09 giugno 2017

Estratto dal nuovo regolamento di polizia mortuaria approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 34 del 09 giugno 2017

CIMITERO DI DAONE 

Articolo 47 – Caratteristiche e dimensioni delle lapidi

1. Sulle fosse è permesso il collocamento di lapidi a forma di croce in graniti nazionali o similari, ovvero marmi chiari nazionali (Carrara, Botticino, Lhasa) o similari, entro le dimensioni descritte secondo lo schema allegato. La fotografia oltre che alla base della croce potrà essere collocata anche sulla croce stessa. Non è consentita la collocazione di due fotografie del medesimo defunto.

2. Qualora nella fossa fossero deposti un feretro ed un’urna cineraria o una cassetta ossario è obbligatorio apporre sulla lapide i dati fondamentali del defunto (nome e cognome anno di nascita ed anno di morte). Per questo caso non sono richiesti particolari adempimenti.

3. I ricordi di cui al comma 1, trascorso il periodo normale di rotazione, con anticipo di un congruo numero di fosse, devono essere rimossi dai famigliari. In difetto vi provvede il Comune che ne diventa proprietario.

4. In luogo delle croci si possono porre dei cippi delle dimensioni secondo lo schema allegato, con la recinzione.

5. Tutte le lapidi delle tombe e dei loculi riporteranno in basso a sinistra il numero progressivo assegnato dal comune e riportato nella planimetria del cimitero quale segno di identificazione del luogo della sepoltura.

6. L’onere e la cura di tali opere resta a carico del privato.

Articolo 50 – Caratteristiche delle lapidi esterne dei loculi individuali

1. Sulle lapidi di chiusura degli ossari e dei cinerari individuali a pagamento si deve applicare, entro 90 giorni dalla sepoltura, per ciascuna celletta una targa quadrata in materiale lapideo nero impala delle dimensioni di cm 36 x cm 36.

2. Sulla targa di chiusura degli ossari e dei cinerari individuali saranno incisi i dati fondamentali del defunto accompagnati, qualora vi sia spazio sufficiente, dagli elementi facoltativi indicati nel comma 4 del presente articolo.

3. Sulla targa saranno incise:

· il nome e il cognome del defunto, le date estreme di nascita e di morte h. cm. 2; è consentito incidere anche il mese e il giorno di nascita e di morte

4. E’ consentita l’applicazione sulla targa dei seguenti accessori:

· fotografia di forma rettangolare, ovale o rotondo, dimensione cm. 6x8 da porre unicamente sul lato sinistro della targa, distanza cm. 2 dal bordo superiore della targa; l’interasse deve distare cm. 5 dal bordo sinistro della targa;

· corpo illuminante in bronzo da porre unicamente sul lato sinistro, in basso, distanza

cm 2 dal bordo inferiore della targa; dimensione massima compresa fra altezza cm. 8

- largh. cm. 6; l’interasse deve distare cm. 5 dal bordo sinistro della targa;

· portafiori in bronzo, da porre unicamente sul lato a destra, in basso, distanza cm. 2

dal bordo inferiore della targa; dimensione massima compresa fra h. cm. 8 - largh. cm. 6; l’interasse deve distare cm. 5 dal bordo destro della targa;

- incisione di immagine di carattere religioso delle dimensioni massime di cm.10 x 10.

  

 

 

CIMITERO DI PRASO

Articolo 53 – Caratteristiche e dimensioni delle lapidi

1. Sulle fosse è permesso il collocamento di lapidi o monumentini in metallo, legno, pietra o marmo entro le dimensioni massime di m. 1,60 di lunghezza, 0,60 di larghezza e m. 0,90 di altezza.

2. Qualora nella fossa fossero deposti un feretro ed un’urna cineraria o una cassetta ossario è obbligatorio apporre sulla lapide i dati fondamentali del defunto (nome e cognome anno di nascita ed anno di morte). Per questo caso non sono richiesti particolari adempimenti.

3. I ricordi di cui al comma 1, trascorso il periodo normale di rotazione, con anticipo di un congruo numero di fosse, devono essere rimossi dai famigliari. In difetto vi provvede il Comune che ne diventa proprietario.

4. Tutte le lapidi delle tombe e dei loculi riporteranno in basso a sinistra il numero progressivo assegnato dal comune e riportato nella planimetria del cimitero quale segno di identificazione del luogo della sepoltura.

5. L’onere e la cura di tali opere resta a carico dei privati.

6. La collocazione della lapide o del cippo da parte dei familiari dovrà essere effettuata entro il tempo massimo di 18 mesi decorrenti dalla data del decesso. Trascorso tale termine verrà attivata la procedura ai sensi degli artt. 44 e 48 del presente regolamento.

 

Articolo 55 – Caratteristiche delle lapidi esterne dei loculi individuali

1. Sulle lapidi di chiusura degli ossari e dei cinerari individuali a pagamento si deve applicare, entro 90 giorni dalla sepoltura, per ciascuna celletta una targa delle dimensioni di cm 40 x cm 40.

2. Sulla targa di chiusura degli ossari e dei cinerari individuali saranno applicati i dati fondamentali del defunto accompagnati, qualora vi sia spazio sufficiente, dagli elementi facoltativi indicati nel comma 4 del presente articolo.

3. Sulla targa saranno apposte:

· il nome e il cognome del defunto: misura massima h. cm. 2,5

· le date estreme di nascita e di morte: misura massima h. cm. 2; è consentito apporre anche il mese e il giorno di nascita e di morte

4. E’ consentita l’applicazione sulla targa dei seguenti accessori:

· fotografia di forma rettangolare, ovale o rotondo;

· corpo illuminante;

· portafiori;

5. Sulle targhe di chiusura degli ossari e cinerari individuali potranno essere applicati al massimo i nominativi di due defunti, anche se nella celletta sono conservate le ceneri di uno solo di essi. Ciò per mantenere viva la memoria di un proprio congiunto le cui spoglie sono allocate altrove.

CIMITERO DI BERSONE

 

Articolo 57 – Caratteristiche e dimensioni delle lapidi

1. Sulle fosse è permesso il collocamento di lapidi o monumentini in metallo, legno, pietra o marmo entro le dimensioni massime di m. 1,60 di lunghezza, m. 0,60 di larghezza e m. 0,90 di altezza.

2. Qualora nella fossa fossero deposti un feretro ed un’urna cineraria o una cassetta ossario è obbligatorio apporre sulla lapide i dati fondamentali del defunto (nome e cognome anno di nascita ed anno di morte) ). In tal caso non sono richiesti particolari adempimenti.

3. I ricordi di cui al comma 1, trascorso il periodo normale di rotazione, con anticipo di un congruo numero di fosse, devono essere rimossi dai famigliari. In difetto vi provvede il Comune che ne diventa proprietario.

4. Tutte le lapidi delle tombe e dei loculi riporteranno in basso a sinistra il numero progressivo assegnato dal comune e riportato nella planimetria del cimitero quale segno di identificazione del luogo della sepoltura.

5. L’onere e la cura di tali opere resta a carico dei privati.

6. La collocazione della lapide o del cippo da parte dei familiari dovrà essere effettuata entro il tempo massimo di 18 mesi decorrenti dalla data del decesso. Trascorso tale termine verrà attivata la procedura ai sensi degli artt. 44 e 48 del presente regolamento.

Articolo 59 – Caratteristiche delle lapidi esterne dei loculi individuali

1. Sulle lapidi di chiusura degli ossari e dei cinerari individuali a pagamento si deve applicare, entro 90 giorni dalla sepoltura, per ciascuna celletta una targa delle dimensioni di cm 32 x cm 32.

2. Sulla targa di chiusura degli ossari e dei cinerari individuali saranno apposti i dati fondamentali del defunto accompagnati, qualora vi sia spazio sufficiente, dagli elementi facoltativi indicati nel comma 4 del presente articolo.

3. Sulla targa saranno apposti:

  • · il nome e il cognome del defunto: misura massima h. cm. 2,5
  • · le date estreme di nascita e di morte: misura massima h. cm. 2; è consentito apporre anche il mese e il giorno di nascita e di morte

4. E’ consentita l’applicazione sulla targa dei seguenti accessori:

  • · fotografia di forma rettangolare, ovale o rotondo;
  • · corpo illuminante;
  • · accessorio con duplice funzione di portafiori o porta lumini già in dotazione.

Venerdì, 28 Luglio 2017