Giudici popolari

Chi è il giudice popolare?

Il giudice popolare è il cittadino italiano chiamato a comporre, a seguito di estrazione a sorte da apposite liste, la Corte di Assise e la Corte di Assise d'Appello.

Per ogni Corte d’assise e Corte d’assise d’appello è formata una lista per i giudici popolari ordinari e una per i giudici popolari supplenti.

 

Come si diventa giudice popolare?

Chi vuole entrare a far parte delle liste deve presentare richiesta al Sindaco del comune in cui risiede.  In ogni caso l'operatore dell’ufficio elettorale iscrive d'ufficio ai termini di legge tutti i cittadini che risultano idonei a tale funzione.

Come funziona?

Ogni due anni (anno dispari) i sindaci invitano con manifesti pubblici coloro che sono in possesso dei requisiti e non sono già iscritti negli albi definitivi dei giudici popolari, a chiedere di essere iscritti nell’elenco integrativo dei giudici popolari

  • della Corte d’assise
  • della Corte d’assise d’appello

In seguito alla verifica del possesso dei requisiti dei richiedenti, gli elenchi vengono valutati da un’apposita commissione presso il Tribunale competente per territorio che unifica e redige gli elenchi definitivi separatamente per corte d’assise e corte d’assise d’appello.

Questi sono trasmessi ai comuni e affissi all’albo pretorio. Chiunque può presentare reclamo contro eventuali omissioni, cancellazioni o indebite iscrizioni entro 15 giorni dall’affissione all’albo pretorio.

Chi può iscriversi all’albo?

I requisiti per essere iscritti all’Albo dei giudici popolari sono:

  • cittadinanza italiana e godimento dei diritti civili e politici;
  • buona condotta morale;
  • età non inferiore ai 30 e non superiore ai 65 anni;
  • titolo finale di studi di scuola media di primo grado, di qualsiasi tipo.  Per i giudici popolari di Corte d’assise d’appello è richiesto titolo finale di studi di scuola media di secondo grado.

Non possono fare il giudice popolare: i magistrati e i funzionari in servizio all'ordine giudiziario, gli appartenenti alle forze armate e alla polizia e i membri di culto e religiosi di ogni ordine e congregazione.

Quali sono gli obblighi?

I giudici popolari estratti sono convocati anche oralmente a mezzo di agenti della forza pubblica. 

L’ufficio di giudice popolare è obbligatorio.

Chi, essendo chiamato a prestare tale servizio, non si presenta senza giustificato motivo, è condannato al pagamento di una somma da euro 2,58 a euro 15,49 nonchè alle spese dell’eventuale sospensione o del rinvio del dibattimento.

Per essere esonerati dal servizio si deve presentare certificato medico della ASL prima della comparizione o durante la seduta di comparizione per il giuramento.

 

Quali sono i compensi?

I giudici popolari nominati ricevono un compenso giornaliero stabilito per legge e un rimborso per spese di viaggio se l'Ufficio è prestato fuori del comune di residenza.

Cosa occorre per iscriversi?

Documento di riconoscimento in corso di validità.

Entro quando bisogna iscriversi?

A domanda entro il mese di Luglio negli anni dispari

La DOMANDA DI  ISCRIZIONE ALLA LISTA DEI GIUDICI POPOLARI è scaricabile alla sezione modulistica.

 

Quanto costa iscriversi?

Nessun costo

Normativa di riferimento

Legge 10/4/1951 n. 287

Delibera Giunta Comunale nr. 16 di data 30.06.2015

 

Per Informazioni

E-mail: anagrafe@comune.valdaone.tn.it

Telefono: 0465 674064

Responsabile: Marascalchi Antonia

Lunedì, 24 Luglio 2017